Gli itinerari in bicicletta o in mountain bike per una vacanza all’insegna del cicloturismo in Abruzzo.

Sport

Ammettiamolo, anche il sole quest’estate se n’è andato in ferie ed ora l’autunno arriva così, improvvisamente, senza averci dato il tempo di aspettarlo e di sentirne il bisogno.

Però, per gli amanti della bicicletta, questa stagione è sempre un gran bel periodo. Si può ancora pedalare a lungo, con una luminosità relativamente buona, l’asfalto non è un tizzone ardente, il sudore delle giornate afose è sconosciuto e il sole ci accompagna dolcemente.

Insomma, l’inizio dell’autunno è proprio il momento giusto per i cicloturisti.

l’Abruzzo è una regione davvero bike-friendly. La costa, la collina e le aspre salite e discese di montagna: c’è tutto in Abruzzo e soprattutto c’è la filosofia dello scoprire le bellezze del territorio e la natura in sella ad una bici lungo le strade locali, ad un ritmo slow.

Ecco perché sul sito cicloturismo.abruzzoturismo.it ci mettono a disposizione mappe accurate e dettagliate, segnalandoci lunghezze del percorso e dati tecnici come pendenze e altimetrie. E ci sono anche i dati GPS per darci il percorso da navigatore.

E allora non resta che metterci in marcia. Noi che siamo ciclisti della domenica (anche nel senso letterale del termine), approfittando della giornata libera, abbiamo provato un percorso di quelli comodi … anche se lunghi: ben 60Km andata e ritorno da Martinsicuro a Pineto, attraverso la Ciclovia Adriatica, che è poi il percorso n. 6 della grande rete ciclabile nazionale BicItalia.

Partiti la mattina, ci siamo piano piano trasformati da sportivi – ovvero da quelli che partono per rimettersi in forma – a turisti, cioè quelli che si lasciano incantare dalla scoperta di paesaggi mozzafiato che non credevamo esistessero in Italia.

Cosa dire dei ponticelli sul torrente Vibrata, tra Villa Rosa ed Alba Adriatica, o quello sul Salinello, a Tortoreto Lido? Ci sembrava di essere quasi sul set del remake italiano de “I Ponti di Madison County”.

E poi siamo rimasti a bocca aperta, come se ci trovassimo in un’altra epoca o sul pianeta del Piccolo Principe di Saint-Exupéry, quando abbiamo potuto ammirare la spiaggia selvaggia della Riserva Naturale del Borsacchio, sul lungomare di Cologna.

Strade di campagna e vegetazione brulla e la sensazione di essere davvero a contatto con la natura. La stessa sensazione che abbiamo avuto costeggiando l’area marina protetta e la Torre del Cerrano, dove abbiamo potuto anche ammirare la torre e la vista dall’alto sul mare in un momento in cui tempo e spazio sembravano non esistere più.

Conclusione di tutto: noi ciclisti della domenica, siamo pronti per un tratto ulteriore di percorso pianeggiante e per affrontare presto anche i percorsi più impervi. Magari aspettando l’inizio dell’estate prossima per salire in montagna!