Mare, montagna e valli d’Abruzzo: mete ideali per kitesurf, bungee jumping e parapendio.

Sport

Di solito l’Abruzzo è associato a montagna, mare, paesaggi bucolici, quando non alle sue città più famose. Eppure proprio per le sue caratteristiche naturali, l’Abruzzo è meta di tanti appassionati di sport estremi.

Noi siamo andati a conoscere un po’ più da vicino qualche sport che può essere praticato al mare così come in montagna e nelle valli.

Il kitesurf, sport di origine relativamente recente, è un ramo del surf e più praticabile nelle coste adriatiche rispetto a quest’ultimo. Consente di planare sull’acqua e sulle onde non solo con una tavola, ma lasciandosi trasportare anche da un “aquilone”. Tanti dicono che sia una disciplina relativamente semplice da imparare: con poche lezioni si è in grado di “decollare”, ma la padronanza degli strumenti arriva solo con l’esperienza. Dunque, uno sport per tutti apparentemente, ma da non affrontare con troppa faciloneria!

Da non sottovalutare i costi soprattutto per l’attrezzatura, a partire dalla muta, che va dagli 80 ai 300 euro. Stessa stima per il trapezio, mentre per l’aquilone il prezzo di listino va dai 1000 ai 1800 euro e per la tavola dai 300 ai 450 euro.

La costa abruzzese offre un’infinità di corsi: Alba AdriaticaGiulianovaRoseto degli AbruzziSilvi MarinaPescaraOrtonaSan Vito ChietinoVasto sono solo alcuni degli spot più conosciuti. Ottobre è uno dei mesi migliori perché consente al kite surfer di muoversi senza dover fare troppa attenzione ai turisti che sono numerosi, invece, in piena estate e perché le condizioni meteo sono in genere più favorevoli.

Chi ama guardare il mondo da “altezze” diverse e non soffre di vertigini, troverà soddisfazione nel parapendio. In Abruzzo si hanno tante opzioni sia di luoghi da sorvolare, sia di soluzioni di volo.

Si può scegliere di provare l’ebbrezza del volo in tandem, accompagnati da un istruttore, oppure si può fare un vero e proprio corso con una durata che va dai 3 ai 6 mesi ed ottenere il brevetto di volo per staccarsi da terra da soli ed alzarsi anche a 10.000 metri. Il prezzo di un corso certificato inizia da 600 euro e prevede lezioni teoriche, tante sessioni di pratica ed un esame finale.

In Abruzzo tanti sono i panorami da ammirare dall’alto. Quelli classici per gli amanti del genere sono Passocardone (PE)Tocco da Casauria (PE)Calascio (AQ)Villa S. Lucia (AQ)Cannatina Brittoli (PE)Colle delle Vacche – Sulmona (AQ)Assergi – Monte Cristo (AQ)Roiano – Ioannella (TE).

Infine, come non includere tra gli sport da emozioni mozzafiato il bungee jumping? L’Abruzzo ha uno dei luoghi che più si prestano all’elastico, il Ponte di Salle (PE), il più alto del centro Italia, che permette un salto di 90 metri, a partire da un elastico di 22 metri. Nessuna controindicazione particolare, se non per chi ha problemi cardio-respiratori, il  salto nel vuoto con le dovute attrezzature, si paga 80 euro. Nel mese di ottobre ci sono tre date in cui provare il brivido di questo sport di origini esotiche. Per vedere quali, consultate Bungee Jumping Abruzzo